Крит

Прогуливаюсь по набережной Хании. Чудесная погода, играет музыка, нескончаемый поток людей, доносятся разные языки. Розовый закат замер над морем, ждёт прихода тёплой ночи. Горизонт захватывает внимание и не торопится отпускать. Запахи, краски, люди – всё смешивается в нечто единое и таит в предвкушении ночных огней. Это место почему-то кажется чрезвычайно знакомым.

IMG_20160626_201846

IMG_20160626_195123

IMG_20160626_201537IMG_20160626_200941

Silenzio / тишина

Tacci, tacci, sono il tuo “Silenzio”

Tecnica mista su tela di 40*50cm

IMG_20160625_090905

 

L’ispirazione

IMG_20160620_213545

“L’ispirazione” ti cerco ti seguo…

Tecnica mista su tela 50*60 cm

 

La nonna. I dolci ricordi

IMG_20160607_083038 IMG_20160607_082616Последние штрихи над гипсовым бюстом и готово!

La Cappella Brancacci

cappella-brancarci brancacci-1 brancacci-2

L’iniziativa di decorare la cappella, fondata dalla famiglia Brancacci nel tardo Trecento, si deve al ricco mercante Felice Brancacci che nel 1423, di ritorno dall’Egitto, commissiona l’esecuzione degli affreschi. Alle Storie di San Pietro, santo a cui era in origine intitolata la cappella, lavorano insieme Masolino e Masaccio; a causa della partenza del primo per l’Ungheria e del secondo per Roma, nel 1427 gli affreschi rimangono però incompiuti.

In seguito all’esilio del Brancacci (1436), caduto in disgrazia per le sue simpatie antimedicee, i frati del convento fanno cancellare i ritratti di tutti i personaggi legati alla sua famiglia e nel 1460 intitolano la capella alla Madonna del Popolo, inserendovi la venerata tavola duecentesca.

Soltanto negli anni 1481-1483 Filippo Lippi effettuerà il ripristino e il completamento delle scene mancanti. I dipinti rischiano più volte di andare perduti: nel 1680 la Granduchessa Vittoria della Rovere si oppone al proposito del marchese Ferroni di trasformare la capella in stile barocco, ma alla metà del Settecento vengono effettuati interventi di ammodernamento che distruggono le pitture della volta e delle lunette. Scampata all’incendio che nel 1771 devasta l’interno della chiesa, la capella è acquistata nel 1780 dai Riccardi, che rinnovano altare  e pavimento. Gli affreschi, trascurati per tutto l’Ottocento, vengono sottoposti a spolveratura nel 1904; l’intervento di restauro effettuato negli anni Ottanta del Novecento ha finalmente permesso di recuperare la loro limpida e brillante cromia