Осваиваем диалоги. Una telefonata.

Bello, vero? :)

L’audio

Lezione tre. Terza lezione. 
Una telefonata. Prima parte.  Buonasera. Sono la moglie di Paolo Tosi Maria Teresa. In questo momento sono a Milano in Piazza della Republica. Mi piace questa piazza, quando non c’è traffico. Ma adesso è loro di punta. Sono le sette. E per di più c’è lo sciopero dei tram. Vado a telefonare a Giovanna a Torino. Alle sette aspette alla mia telefonata. Ecco una cabina telefonica. O, non ho i gettoni. Devo proprio a telefonare dal bar allora.

Seconda parte. In un bar. Un analcolico, per favore. Prima, deve fare uno scontrino nella cassa per favore, signora. Un alalcolico, per favore. C’è un telefano? Si accomodi, a destra in fondo.  E possibile telefonare a Torino? Certamente, signora. Ha i gettoni? No, sei bastano, vero? Bastano per una telefonata breve.  Allora, sei, per favore. Numero sbagliato. Dunque, inserire i gettoni fare il numero. ‘E libero. Pronto, pronto? Pronto. Chi parla?   C’è Giovanna, per favore. Sono la mamma. Qui non c’è nessuna Giovanna. Scusi. Non è sessanta cinque quaranta otto novanta di Torino? No, questo è Torino sessanta cinque quaranta sette novanta. Scusi tanto.  Beh, riproviamo. Bisogna premere il bottone per recuperare i gettoni. Questa volta è occupato.
Interurbana. Ottima cena, Emilia.   Cucini sempre così? No, solo quando ho tempo.  Posso fare il caffè? No, no. Tu vai a telefonare a Giovanna. E io penso al caffè.  Sono proprio stufa di provare.  Paolo, puoi telefonare tu? Con la tele selezione è impossibile sta sera. Chiamiamo il centralino. Pronto, centralino? Si, dica pure. Per favore, Torino sessanta cinque quaranta otto novanta.  Lei, che numero è? Milano quattro cento settanta cinque ottanta tre trentuno. Va bene, signore. Richiamo. Giovanna al telefono. Pronto. Ciao, papà! Come mai così tardi? Le linee con Torino sono occupate. E allora, esame? Benissimo! E voi, come state? Tutti bene! Ottimo viaggio. Ecco qui la mamma. Ciao, Giovanna, come va? Ciao mamma, benissimo. Sono proprio soddisfatte del esame. Brava! Devi tornare all’universita domani? No, sono a casa tutto il giorno. Quando arrivate? Verso  le cinque.
Terza parte. Una telefonata urgente. Pronto. Posso parlare con la signora Corelli. La signora è riunione. Chi parla, per favore?  Sono la figlia. Può aspettare un momento, signorina? No, sono in tele selezione e ho solo sei gettoni. Può richiamare più tardi? Veramente e urgente. Allora, può provare fra dieci minuti.
Communicazione difficile.  Pronto, Luciano. Pronto. Si, sono Luciano. Chi parla? Sono Mariella. Come? Può parlare più forte? Sono Mariella. O, ciao! La linea è disturbata. Deve essere il mio telefono, non funzione tanto bene. Può richiamare tu? Va bene. Richiamo subito.

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.